Crea sito

Windows 10 copia Linux, installazioni da riga di comando

Tra le novità di Windows 10 c’è anche una riga di comando più potente e versatile, che per molti aspetti ricorda quella presente nelle varie distribuzioni Linux (e parzialmente in OS X). Con la nuova versione del sistema operativo infatti arriva il packet manager “OneGet”; con esso si potrà installare un programma da pacchetto digitando un comando “alla vecchia maniera”.

La novità rientra negli sforzi di Microsoft mirati a restituire centralità al desktop. Con OneGet trovare e installare nuovi programmi sarà molto semplice – almeno per chi è abituato a questi sistemi: basterà digitare comandi come “Find-Package VLC” o “Install-Package Firefox”.

A lungo termine potrebbe essere questa la strada per aggiungere le applicazioni desktop dentro il Windows Store, come si è speculato più volte. Entro l’anno prossimo, magari, potremo semplicemente aprire la riga di comando e scrivere Install-Packege Photoshop, oppure Update-Package Windows 10.

Sarebbe una gran comodità per chi ama queste cose, e resterebbe nascosta per tutti gli altri. In ogni caso con OneGet Windows 10 insegue Linux e diventa più potente. Di pari passo si rischia di mandare in pensione quel vecchio pregiudizio secondo cui “su Linux devi fare tutto da linea di comando”. Non è vero da un pezzo, ma qualcuno ne è ancora convinto: lo diranno anche di Windows 10?

via http://www.tomshw.it/

Ci sono tutte le funzioni a cui sono abituati i più esperti e che spaventano un po’ i meno smaliziati. Ed è una sorpresa piuttosto inaspettata, perché dopotutto l’introduzione di questo strumento non è di quelli che vanno in favore dell’usabilità. Non dopo anni di installer grafici in cui non dobbiamo far altro che cliccare due o tre volte su “avanti” senza tante preoccupazioni.

D’altra parte non è uno strumento per l’utente generico. OneGet è utilizzabile solo tramite Windows PowerShell, una funzione usata da amministratori di sistema e utenti molto esperti con bisogni specifici. OneGet però è ancora in via di sviluppo, e Sebastian Anthony su ExtremeTech si lascia andare a un’ipotesi interessante: Microsoft potrebbe un giorno creare API per OneGet e cambiare profondamente il modo in cui installiamo e gestiamo le applicazioni del nostro computer.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi